Regione Toscana

Sansepolcro, continuano gli investimenti per la raccolta differenziata

Pubblicato il 21 agosto 2019 • Ambiente

L’assessore ai Beni Comuni Marconcini annuncia maggiori controlli sulle varie postazioni e sui nuovi cassonetti dell’organico

Il Comune di Sansepolcro alza ancora l’asticella sulla raccolta differenziata. A poche settimane dall’introduzione dell’organico, l’impressione è che i cittadini abbiano accolto favorevolmente questo intervento. Negli ultimi giorni, tuttavia, non sono mancati episodi di cattivi conferimenti: gli ispettori ambientali hanno infatti registrato vari casi in cui i cassonetti dell’organico sono stati utilizzati per smaltire materiali di diversa natura. Altri errati conferimenti sono stati inoltre segnalati da alcuni cittadini.

Alla luce di questa situazione, l’amministrazione comunale sollecita tutta la cittadinanza al rispetto delle norme già a suo tempo diramate e che vengono nuovamente riportate di seguito:

Nei cassonetti dell’organico possono essere conferiti scarti alimentari, alimenti deteriorati, piccoli ossi, gusci d’uovo, fondi di tè o caffè, fiori, erba secca, fogliame e piccole potature, segatura, ceneri di camino (fredde), shoppers e stoviglie e altro materiale compostabile (come il Mater-Bi®), tappi di sughero, tovaglioli e fazzoletti di carta sporchi di residui organici (anche colorati). I rifiuti devono essere raccolti all’interno di sacchi biodegradabili ben chiusi.

“È importante fare un salto di qualità nel conferimento dei rifiuti – sottolinea l’assessore ai Beni Comuni Gabriele Marconcini – solo così potremo rientrare tra i comuni virtuosi abbattendo finalmente i costi della TARI. Per fare questo bisogna investire nella sensibilizzazione, ma evidentemente anche sul controllo.”

“In questa fase – prosegue Marconcini – si richiede davvero la massima collaborazione da parte di tutti affinché questa soluzione possa portare al raggiungimento degli obiettivi che ci siamo preposti, ovvero un aumento netto e considerevole della raccolta differenziata. Si ricorda che il solo organico costituisce il 30% circa del rifiuto. Scorporare correttamente questa parte da tutto il resto ci porterebbe ad un enorme salto in avanti.”

“Nel rispetto di tutti quei cittadini che stanno osservando positivamente le norme per il buon conferimento dei rifiuti – conclude l’assessore – nei prossimi giorni i cattivi conferimenti saranno rilevati e sanzionati dalle fototrappole fisse, dalla speciale fototrappola mobile e dagli ispettori ambientali che in questo periodo intensificheranno il loro lavoro di controllo.”