Regione Toscana

Sansepolcro, i “Nonni Vigile” pronti per l’inizio della scuola

Pubblicato il 11 settembre 2019 • Polizia Municipale , Scuola e Asilo Nido

A pochi giorni dalla prima campanella, si rinnova la convenzione con l’Ufficio Scuola del Comune. Porte aperte ai nuovi volontari

Martedì 10 settembre l’amministrazione comunale di Sansepolcro ha presentato alla stampa il progetto di volontariato del “Nonno Vigile” previsto per il nuovo anno scolastico. L’iniziativa, già in atto da alcuni anni nella città di Piero, è stata suggellata dalla firma della convenzione che l’Ufficio Scuola comunale ha stipulato con la Protezione Civile e le associazioni dei pensionati ADA, ANAP, ANACOS e ANTEA. Presente all’incontro con i giornalisti anche il nuovo Dirigente Scolastico, professor Domenico De Angelis, che ha ringraziato i protagonisti di questo servizio che coinvolge al momento nove concittadini.

“A Sansepolcro c’è un servizio che ci sentiamo in dovere di promuovere e far conoscere che è quello dei nonni vigili – ha dichiarato l’assessore all’Istruzione Gabriele Marconcini – Ovvero un’esperienza che ha un grande valore sia educativo che sociale. Grazie ai nonni vigili noi riusciamo a svolgere meglio quel servizio di regolamentazione del traffico e tutela dei bambini all’entrata e uscita di scuola, oltre ad infondere un messaggio positivo nella nostra comunità.”

L’assessore ha quindi lanciato un appello a tutti i concittadini in pensione che potrebbero essere interessati ad aderire a questo progetto di indiscusso valore umano e formativo: “Con il loro lavoro, i nonni vigili si fanno portatori di un messaggio di grande significato, perché i bambini si rendono subito conto che ci sono delle persone che si mobilitano per garantire la loro sicurezza e migliorare la loro crescita. Rivolgiamo pertanto un ringraziamento sentito a tutte le associazioni che hanno permesso di organizzare il servizio e un appello a rivolgersi al Comune all’Ufficio Scuola per tutti coloro che potrebbero essere interessati a questa forma di volontariato.”